farmaci da evitare prostata

Se soffri di ipertrofia prostatica da un po’ di tempo, probabilmente ti sarà stato proposta una varia gamma di farmaci, alcuni per migliorare il problema, altri per compensarne gli effetti collaterali.

Secondo la medicina ufficiale infatti, i farmaci svolgono un ruolo importante nella gestione della prostata ingrossata.

Molti di questi farmaci per la prostata purtroppo si limitano ad alleviare i sintomi, senza davvero risolvere il problema.

Purtroppo però non si tratta solo dei farmaci prescritti per l’ipertrofia prostatica benigna.

È necessario prestare attenzione anche agli altri farmaci che si stanno assumendo per altri problemi, poiché alcuni di essi possono peggiorare la situazione alla prostata.

Continua a leggere se vuoi saperne di più su tutti i farmaci da evitare in caso di prostata ingrossata.

Sommario

Che cos’è l’Ipertrofia prostatica benigna (IPB)?

L’iperplasia prostatica benigna o ingrossamento della ghiandola prostatica, è piuttosto comune negli uomini di una certa età.

I dati indicano che a livello globale, sono 30 milioni gli uomini che ne soffrono.

Una ghiandola prostatica ingrossata può provocare fastidiosi sintomi urinari e sessuali.

Questo problema alla prostata può bloccare infatti il flusso di urina dalla vescica. L’ingrossamento della prostata è quindi spesso associato a danni ai reni, alla vescica e a problemi urinari.

I sintomi esatti dell’IPB e la loro gravità variano da persona a persona. Nella maggior parte dei casi, se non vengono presi provvedimenti e non si fanno cambiamenti nella nostra vita, i sintomi peggiorano gradualmente.

I sintomi più comuni sono:

I sintomi dell’iperplasia prostatica meno comuni e più gravi includono l’infezione delle vie urinarie, l’impossibilità di urinare e la presenza di sangue nelle urine.

La causa esatta dell’ingrossamento della prostata non è certa.

Il principale responsabile potrebbe essere il cambiamento degli ormoni sessuali con l’avanzare dell’età, ma lo stile di vita, l’alimentazione e la sessualità consapevole giocano tutti un ruolo importante in questo problema.

Nel corso gratuito trovi alcune informazioni a riguardo.

I fattori di rischio più comuni vanno dal processo di invecchiamento a uno stile di vita non sano, all’anamnesi familiare, alle malattie cardiache e al diabete.

Farmaci da evitare per la prostata

Come già detto, alcuni farmaci possono peggiorare i sintomi dell’ingrossamento della prostata.

Se si fa uso di uno dei farmaci indicati di seguito, è bene consultare il proprio medico prima di toglierlo.

Potrebbe essere necessario prescrivere un farmaco diverso, scegliere alternative più naturali o modificare il dosaggio per ridurre la gravità dei sintomi urinari.

Farmaci Diuretici

I diuretici sono farmaci che eliminano i liquidi in eccesso dal corpo. Funzionano estraendo più acqua dal flusso sanguigno e riversandola nell’urina.

Poiché è necessario urinare più spesso quando si assumono diuretici, questi farmaci possono peggiorare i sintomi dell’iperplasia prostatica benigna.

Questi farmaci trattano l’ipertensione, l’insufficienza cardiaca, le malattie epatiche o il glaucoma.

Farmaci Antidepressivi

Gli antidepressivi sono formulati specificamente per alleviare i sintomi della depressione, dei disturbi d’ansia e di altre condizioni.

Gli antidepressivi triciclici (ADT) comprendono amoxapina o Asendin, nortriptilina o Pamelor, imipramina o Tofranil e doxepina o Sinequan.

Questo vecchio tipo di farmaci antidepressivi riduce le contrazioni del muscolo della vescica e di conseguenza, i farmaci possono amplificare i sintomi dell’ingrossamento della prostata.

Le prove confermano che gli antidepressivi sono tra i farmaci che peggiorano i sintomi del tratto urinario inferiore attraverso gli effetti sul muscolo detrusore e sulla funzione dello sfintere urinario.

Negli uomini affetti da ipertrofia prostatica e depressione, l’uso di antidepressivi può anche contribuire ad aumentare il rischio di problemi sessuali come la disfunzione erettile e l’eiaculazione retrograda.

Tuttavia se si assumono antidepressivi e si soffre di IPB, non si deve interrompere l’assunzione di antidepressivi da soli.

Consultare prima il proprio terapeuta ed eventualmente valutare soluzioni alternative (ci sono varie possibilità).

Farmaci senza ricetta da evitare

Anche alcuni farmaci da banco (che non hanno bisogno di ricetta medica) possono aggravare i sintomi della prostata ingrossata.

Per questo motivo, è necessario leggere sempre “il bugiardino” per conoscere il più possibile il farmaco e verificare se il potenziale impatto dannoso sull’IPB è già scritto sulla scatola.

In alcuni casi è indicato, ma in molti altri no ed è essenziale consultare il medico o fare personali ricerche a riguardo.

Qui di seguito sono elencati i farmaci da banco che potrebbero non essere una buona idea per gli uomini affetti da ingrossamento della prostata:

Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)

Ampiamente utilizzati, questi farmaci alleviano il dolore e riducono l’uso di antidolorifici più pesanti assunti sotto prescrizione.

I FANS più comuni sono l’aspirina e l’ibuprofene (Advil, Motrin). Questi farmaci da banco potrebbero peggiorare i sintomi della prostata ingrossata.

Questi farmaci possono agire come un’arma a doppio taglio quando si tratta di funzionalità della prostata.

I FANS, infatti, possono ridurre il rischio di ingrossamento della prostata, ma aggravare i sintomi urinari negli uomini già affetti da questa patologia.

Negli uomini affetti da IPB, questi farmaci possono peggiorare i sintomi urinari perché inibiscono la produzione di prostaglandine (sostanze chimiche prodotte dalla vescica per migliorare la contrazione dei muscoli circostanti).

I fattori che influenzano questo processo possono rendere ancora più difficile lo svuotamento della vescica e quindi contribuire alla ritenzione urinaria acuta.

Antistaminici

Gli antistaminici sono un tipo di farmaci formulati per alleviare i sintomi delle allergie, della nausa e in alcuni casi, del raffreddore e dell’influenza.

Uno degli antistaminici più comunemente utilizzati è la difenidramina (Benadryl).

Ciò che molti non sanno è che gli antistaminici possono aggravare i sintomi di una prostata già ingrossata.

Gli antistaminici di prima generazione infatti lo riportano nel foglietto informativo che mette in guardia i pazienti dall’uso di questi farmaci.

Gli antistaminici possono peggiorare i sintomi della prostata ingrossata e rendere ancora più complicata la minzione.

Tuttavia, gli antistaminici di seconda generazione, come il Claritin, non riportano questa avvertenza e possono rappresentare un’opzione più sicura per gli uomini affetti da IPB.

Come fanno gli antistaminici a causare questi problemi?

Non permettono alla prostata e alla vescica di rilassarsi correttamente e quindi rallentano o inibiscono il flusso di urina.

In alcuni casi, il paziente necessita di un’incisione transuretrale per trattare i sintomi urinari dell’IPB.

Decongestionanti nasali

I decongestionanti sono un tipo di farmaco che fornisce un sollievo temporaneo dalla congestione nasale (naso chiuso) in caso di raffreddore.

Questi farmaci possono irrigidire i muscoli e aumentare il tono muscolare della ghiandola prostatica e del collo della vescica.

Di conseguenza, l’urina non può uscire correttamente dalla vescica.

L’impossibilità di svuotare correttamente la vescica può causare infezioni vescicali e batteriche.

Sia i decongestionanti topici che quelli orali recano un’avvertenza che ne sconsiglia l’uso agli uomini affetti da IPB.

Alcuni ingredienti dei decongestionanti, ad esempio la fenilefrina, possono restringere la capsula prostatica e causare ritenzione urinaria.

La ritenzione urinaria a lungo termine può causare una serie di problemi, tra cui i calcoli vescicali.

Altri farmaci che possono aggravare l’IPB

Oltre a questi, molti altri farmaci possono aggravare i sintomi della prostata ingrossata.

Tra questi vi sono:

  • Prodotti per la cinetosi (mal di mare, mal d’auto)
    Tutti i farmaci contro la cinetosi contengono antistaminici.
  • Prodotti per le emorroidi
    Alcuni possono contenere vasocostrittori e quindi ridurre il flusso di urina.
  • Prodotti per l’asma
    Possono contenere efedrina o epinefrina, entrambe con avvertenza sulla prostata.
  • Oftalmici
    I farmaci da banco per la congiuntivite allergica contengono antistaminici.

Conclusione

Soprattutto se già si soffre di ingrossamento della ghiandola prostatica, è necessario prestare attenzione ai farmaci che si utilizzano.

Alcuni farmaci prescritti per altri problemi possono aggravare i sintomi di un ingrossamento della prostata.

Tra questi vi sono gli antidepressivi e i diuretici, nonché i farmaci da banco come gli antistaminici e i decongestionanti.

È quindi necessario cercare di evitarli quando possibile e consultare il medico sui farmaci che si stanno assumendo.

Per alcuni farmaci è necessario modificare il dosaggio e dovrebbe farlo solo il vostro medico.

Evita di prendere farmaci sulla base delle informazioni che senti al bar o su facebook. La cosa migliore da fare è parlare con il proprio medico dei farmaci da assumere.

Un bravo medico dovrebbe essere a conoscenza di soluzioni meno invasive e più naturali e di aiutare il paziente a non dipendere dai farmaci.

Se non puoi fare a meno di alcuni farmaci significa che il medico non ha fatto il suo dovere e non ti ha aiutato davvero a risolvere il problema.

Molto semplice, ma cambia medico!