Kambo (o Kampu) è il nome dato alla secrezione di una rana che viene applicata localmente sulla pelle dalle tribù indigene dell’Amazzonia per curare e rafforzare la mente, il corpo e lo spirito.

Durante un trattamento di Kambo la secrezione viene applicata sulla pelle dopo che sono state fatte piccole ustioni superficiali con un bastoncino di una liana nativa della foresta.

Solo lo strato più superficiale della pelle viene bruciato e rimosso.

Una volta che le ustioni sono state fatte, il Kambo viene applicato sulle aperture e questo permette a questo sacramento di comunicare con il cervello attraverso il sistema linfatico.

Il Kambo contiene un cocktail di peptidi e neuropeptidi bioattivi che hanno un potente effetto sul corpo e sul cervello e consentono al corpo di guarire se stesso.

La Mia Storia col Kambo

Ne avevo già sentito parlare, ma incontro il Kambo solo nel 2014, quando dopo un viaggio di 8 mesi in Sud America mi trovavo a vivere a Londra.

La vita volle che uno dei miei coinquilini stava frequentando uno sciamano italiano ad Amsterdam, Giovanni Lattanzi e sentii che era il caso di andarlo a trovare e ricevere per la prima volta questo sacramento.

Non fu affatto piacevole e l’impatto fu talmente forte che persi coscienza per qualche istante.

Scoprii poi che nella foresta era considerato buon segno, la rana mi stava abbracciando con tutto il suo amore verde.

Dopo altri trattamenti con facilitatori stranieri e molteplici esperienze con le piante sacre, ci volle qualche anno prima di rendermi conto dell’incredibile potenziale di questo bellissimo anfibio.

Giovanni, a cui sono profondamente grato, si trasferì nuovamente in Italia e iniziammo una collaborazione.

Nel suo nuovo libro in inglese puoi trovare tutti i riferimenti scientifici e tutti gli studi più importanti condotti finora sul Kambo.

Dal 2018 ad oggi (anche in piena pandemia) abbiamo organizzato 4-5 ritiri di Kambo all’anno con anche 20 partecipanti ciascuno, nei quali mi sottoponevo anch’io ai trattamenti.

Dopo molte secchiate di vomito e osservando le mie trasformazioni e quelle dei partecipanti più assidui mi decisi che era il caso di intraprendere una formazione professionale con Lattanzi per poter aiutare altre persone nei loro processi di cura e crescita personale e spirituale.

kambo marco
Questo sono io durante uno dei miei processi con la rana

La Tradizione del Kambo

C’è una leggenda che narra che i nativi della tribù degli Huni Kuin (che ho avuto il piacere di conoscere) fossero molto malati e che lo sciamano e stregone, Kampu, avesse fatto tutto il possibile per curarli.

Aveva usato tutta la sua conoscenza e le sue medicine ma non era in grado di guarire la sua gente.

Kampu entrò quindi nella foresta e, mentre era sotto l’effetto di una potente medicina sacra della foresta, ricevette una visione incredibile.

Gli apparve questa bellissima rana e gli fu mostrato come usare la sua medicina per curare la gente del suo villaggio.

Ritornato alla tribù e seguendo le lezioni della visione che aveva ricevuto, Kampu usò la secrezione di questa rana per curare il suo popolo.

Dopo la morte di Kampu, si ritiene che il suo spirito abbia iniziato a vivere nella rana e che gli indigeni abbiano iniziato a usare la sua secrezione per rimanere attivi e in salute.

Perché si Applica il Kambo?

Le tribù indigene usano il Kambo per molte ragioni.

Fisicamente è usato per combattere malattie e infermità, come rimedio per morsi di serpente e altri insetti velenosi, per curare la febbre e per aumentare la virilità o la fertilità.

Viene anche usato prima di una battuta di caccia dai membri della tribù per affinare i sensi e aumentare l’abilità fisica.

Spiritualmente è usato per rimuovere il “panema”, che le tribù definiscono come energie oscure, pesanti o negative che si manifestano come malattia, sfortuna, depressione, pigrizia e mente offuscata.

Rimuovendo il “panema”, l’essere umano è libero di vivere una vita abbondante, piena di fortuna, vitalità e di rimanere in condizioni fisiche e mentali ottimali.

Nel mondo moderno il Kambo è stato parzialmente studiato e sono stati individuati i molti peptidi che compongono questa meravigliosa rana.

I peptidi e neuropeptidi bioattivi presenti nel Kambo coprono un’ampia gamma di potenziali usi medici tra cui:

  • Depressione
  • Emicrania
  • Problemi di circolazione sanguigna
  • Problemi di erezione e fertilità
  • Insufficienza vascolare
  • Cancro (anche alla prostata)
  • Dolore cronico
  • Dipendenze da droghe (anche pesanti) e alcol
  • Infezioni di vario tipo (anche alla prostata)
  • AIDS
  • Epatite
  • Malattie del cervello come l’Alzheimer e il Parkinson.

I peptidi svolgono compiti simili agli ormoni mentre altri forniscono supporto ai processi cellulari vitali.

Alcuni di questi peptidi hanno un potente effetto sui muscoli gastrointestinali, sulle secrezioni gastriche e pancreatiche, sulla circolazione sanguigna e sulla stimolazione della corteccia surrenale e della ghiandola pituitaria.

Il Kambo ha incredibili effetti antinfiammatori e una capacità di distruggere vari tipi di batteri e virus.

Il Kambo contiene numerosi peptidi antimicrobici e antinfiammatori, efficaci contro ceppi farmaco-resistenti di batteri, funghi, parassiti e virus.

Questa è una notizia molto interessante per lo sviluppo di nuovi e più efficaci farmaci e terapie in grado di trattare ceppi di malattie infettive resistenti agli antibiotici.

Il Kambo e la Prostata

Ok, se sei su questo sito probabilmente ti stai chiedendo se il Kambo può darti una mano a risolvere alcuni problemi alla prostata o anche problemi sessuali che forse ti porti dietro da anni.

Ti dico subito, ma forse lo sai già: la bacchetta magica non esiste.

Il Kambo può darti una bella spinta a far funzionare al meglio il tuo corpo e quindi anche i tuoi organi più cari, ma tutto questo non sarà di aiuto se non ci metti un intento ben preciso nel voler affrontare le cause che stanno dietro ai tuoi problemi.

Il Kambo è entrato nella mia vita quando avevo già risolto i miei problemi alla prostata, ma posso sicuramente affermare che tutto il mio corpo ha iniziato a funzionare meglio dopo essere entrato in contatto con la sua energia luminosa.

E’ come se avesse sbloccato un potenziale dormiente che non sapevo neanche di avere.

Per conoscenza diretta so che può essere di aiuto per il cancro alla prostata e per ogni tipo di infezione, compresa la prostatite, così come alcuni problemi di erezione.

Ci sono pochi studi scientifici nello specifico ma, in particolare ce n’è uno sulla Dermaseptina B2, uno dei tanti peptidi presenti nella secrezione di Kambo, che ha dimostrato di bloccare la crescita del cancro alla prostata, promuovendo la morte cellulare del tumore. Qui lo studio sui topi, ma anche nell’uomo (qui lo studio), anche per altri tipi di cancro (studio).

Come Funziona il Kambo

kambo cerimonia italia
Kambo applicato su alcuni punti dell’agopuntura cinese. Le crosticine cadono in pochi giorni.

Il Kambo è generalmente somministrato in una cerimonia che può essere di gruppo o in sessioni individuali.

Il Kambo deve sempre essere fatto a digiuno, quindi lo stomaco deve essere necessariamente vuoto.

Dopo un’attenta valutazione da parte del facilitatore, verranno fatte alcune bruciature sulla pelle usando la punta di un bastoncino rovente.

Le ustioni vengono quindi strofinate delicatamente per rimuovere solo lo strato superiore della pelle.

A questo punto al partecipante verrà chiesto di bere circa 1,5 litri d’acqua.

L’acqua è l’elemento principale di questo sacramento e ha il compito di raccogliere ed espellere le tossine che entrano in circolo durante il processo.

La secrezione viene quindi applicata sulle aperture della pelle e il processo inizia.

Il Kambo è Etico?

Il Kambo viene prelevato dagli uomini di molte tribù native della foresta amazonica, catturando con cura le rane e raschiando la secrezione dalla loro pelle.

Le rane si trovano solitamente vicino ai fiumi nell’area amazzonica; quando piove, le rane si radunano intorno ai fiumi ed emettono un suono particolare.

Il membro della tribù imita questo suono per attirare e successivamente catturare le rane.

Le rane non hanno predatori naturali quindi sono molto facili da catturare.

Le rane vengono quindi sollecitate in modo innocuo per indurre la produzione della secrezione: una sostanza gelatinosa che può poi essere riversata in bastoncini di legno dal dorso e dalle zampe della rana.

Quando è stata raccolta una quantità sufficiente di secrezione, la rana viene rilasciata in natura.

Viene prestata molta attenzione a lasciare la rana illesa durante il processo di raccolta.

Il rispetto e la devozione verso il kambo e le altre medicine della foresta sono di primaria importanza per i nativi.

Avendo una profonda connessione con la natura, vivendo sempre in contatto con essa, sanno benissimo qual è il momento migliore per prelevare la secrezione e sanno che la rana ha bisogno di tempo per poter riformare la sua protezione.

I Peptidi del Kambo

Il farmacologo e chimico Vittorio Erspamer dell’Università la Sapienza di Roma è stato il primo ad analizzare il Kambo in laboratorio.

Erspamer è stato un luminare nel campo dei peptidi.

Dobbiamo a lui l’identificazione, la sintesi e gli studi farmacologici di oltre 60 nuovi composti chimici, in particolare il più famoso la serotonina (il così detto ormone del buonumore).

Dopo numerose ricerche, Erspamer ha concluso che il Kambo contiene un “fantastico cocktail chimico con potenziali applicazioni mediche, ineguagliato da qualsiasi altro anfibio“.

I risultati della sua ricerca hanno portato una notevole attenzione all’area dei peptidi e dei neuropeptidi dalla comunità medica.

Ciò si è rivelato una pietra miliare inestimabile nel progresso di particolari branche della scienza medica.

I peptidi del kambo scoperti da Erspamer innescano una varietà di reazioni chimiche benefiche nel corpo umano.

A differenza di molte altre sostanze naturali e farmaceutiche, il Kambo ha la capacità di attraversare la barriera emato-encefalica, il che gli consente di lavorare molto in profondità nel corpo e di accedere a zone molto difficili da trattare.

Le cellule umane sono molto compatibili con le proprietà benefiche del Kambo, a differenza di molte sostanze che vengono rimosse dal sistema immunitario del corpo.

Finora, i ricercatori hanno scoperto decine di peptidi, alcuni dei quali sono bioattivi, il che significa che svolgono funzioni specifiche nel corpo.

Questi peptidi agiscono come ormoni mentre altri aiutano supportando alcuni importanti processi cellulari.

Molti peptidi sono stati isolati dalla secrezione del Kambo e sono stati sintetizzati dall’industria medica.

Quali sono gli Effetti del Kambo

Gli effetti immediati del kambo sono molto intensi e solitamente piuttosto sgradevoli ma si esauriscono abbastanza rapidamente, di solito non oltre i 20-40 minuti.

La prima cosa che si nota è un aumento della temperatura corporea e della frequenza cardiaca che diventa più rapida.

Il calore si farà sentire principalmente nella parte superiore del corpo e nella testa, ma può essere sentito anche in altre parti del corpo.

La pressione sanguigna può aumentare o diminuire drasticamente e molte persone riferiscono una sensazione di formicolio o bruciore alle estremità che può diffondersi lentamente ad altre aree del corpo.

Alcuni possono anche provare una sonnolenza dissociativa o uno svenimento.

La Purga

Dopo questo periodo iniziale una forte sensazione di nausea pervade il corpo e questo è il primo segnale che ci sta a indicare che sta arrivando la purga.

La purga avviene solitamente col vomito, ma non di rado avviene con la defecazione o con entrambi :-)!

Altri effetti includono una sensazione di pressione alla testa, al collo e al busto, mal di stomaco, infiammazione della gola, secchezza delle fauci, visione offuscata, difficoltà di movimento e labbra e lingua intorpidite e gonfie.

Dopo che questi effetti sono svaniti, la frequenza cardiaca è tornata alla normalità e si è verificata la purga, di solito è necessario riposare. Un leggero sonnellino a questo punto è molto comune.

L’Effetto Zen

Entro 30 minuti circa dal trattamento viene generalmente riportato un profondo senso di calma e pace.

Questo proviene dai neuropeptidi Dermorfina e Deltorfina che lavorano nel cervello: sono piccoli peptidi composti da 7 aminoacidi.

Sono agonisti selettivi dei recettori delta degli oppiacei, 4000 volte più potenti degli analgesici forti e 40 volte più delle endorfine endogene. (Fonte1, Fonte 2)

È una piacevole sensazione di beatitudine.

Nei pochi giorni successivi al trattamento con Kambo potresti sentire una grande forza fisica, una maggior acutezza dei sensi e una maggiore prontezza mentale.

Questi effetti sono il motivo per cui i membri della tribù indigena usano il Kambo prima di una battuta di caccia.

Altri effetti tendono a includere uno stato d’animo costantemente elevato, una maggiore energia fisica e mentale, una diminuzione dello stress e una maggiore concentrazione e forza di volontà.

L’Esperienza col Kambo

Il Kambo cancella tutte le energie fisiche ed emotive negative che ci impediscono una vita equilibrata e pacifica.

Quando siamo afflitti da tossine emotive e la nostra energia fisica e mentale è bassa, questo è un segno sicuro che è necessario un trattamento kambo.

Molti hanno descritto le loro esperienze di Kambo come una rinascita, superando, con varie applicazioni, un punto di non ritorno dopo il quale sono cambiati mentalmente e fisicamente.

Dopo il Kambo in molti mi hanno riferito di aver ritrovato il coraggio di intraprendere nuove avventure nella vita e di rivisitare vecchie situazioni che li riempivano di paura e ansia.

Il Kambo ci dà la forza di affrontare qualunque cosa la vita ci metta davanti.

Il Kambo Rimuove i Blocchi Emotivi

Il Kambo ci permette di elaborare i nostri sentimenti, facendo emergere ciò che è stato soppresso e da tempo dimenticato.

Rimuovendo il “panema” e i sentimenti non elaborati e malsani dal passato, il nostro Sé inizia pian piano a rivelarsi.

Il Kambo apre la strada, promuovendo una comprensione più profonda del mondo e di noi stessi.

Più diventiamo chiari, più risuoniamo con la Verità e più ci allineiamo con il modo in cui le cose sono realmente.

In questo stato di “flusso”, permettiamo di far entrare, senza sforzo, gioia e felicità nelle nostre vite e torniamo al nostro Essere.

Un trattamento Kambo può assumere molte forme.

Ci possono essere vomito, tremori, sudorazione, pianto o una sensazione di completa unità e beatitudine.

Qualunque cosa accada, puoi essere certo che sta avvenendo una profonda trasformazione.

La rana è simbolo di purificazione e della rivendicazione del potere personale. Ci ricorda chi siamo veramente.

Permetti alla rana di mostrarti la strada e guarda mentre la tua vita inizia a sbocciare in modi che non puoi neanche immaginare.

Dove Ricevere il Kambo

Il consiglio è di ricevere il Kambo solo da un facilitatore professionale.

E’ da stupidi e incoscienti provare da solo questo potente rimedio se non hai le giuste conoscenze.

E’ anche importante trovare qualcuno che abbia un profondo rispetto per La Rana e per i popoli che sapientemente raccolgono e forniscono la sua secrezione.

Dopo 4 anni di assistenza e formazione col mio insegnante Giovanni Lattanzi, offro trattamenti individuali in Toscana (in provincia di Siena) ed eventualmente piccoli gruppi a Reggio Emilia.

Il vantaggio di avere un trattamento individuale è l’attenzione, la cura e il tempo che ti posso dedicare, rispetto a un ritiro di gruppo.

In un ambiente sicuro e protetto hai la possibilità di farti baciare dalla Rana e ricevere i doni che ha in serbo per te.

Offro tutta la mia esperienza e cura per assicurarmi che tu abbia un processo completo e profondo.

Il metodo unico che ho imparato da Giovanni prevede l’applicazione sui punti della medicina tradizionale cinese, seguendo le linee dei meridiani energetici del corpo.

Se sei veramente interessato e motivato a ricevere il Kambo, contattami via email, faremo in seguito una chiamata conoscitiva e valuteremo insieme la possibilità.

Viva Kambo!

Testimonianza di un’amica molto determinata a ricevere il Kambo